Ep. 39: Ai confini etici della Realtà Virtuale

fb

ig
Pietro "Phatejoker" Iacullo

SegheMentali Sconti videogiochi, console e nerdate: la guida definitiva

Stufo di cercare codici e buoni sconto di Amazon su Telegram? C’è la scorta del nerd

Dove devo cercare sconti per i videogiochi? E se volessi le migliori offerte per PlayStation 5, Xbox Series X e tutta la fottuta nextgen? Esce il disastro di roba, devo risparmiare. Dici “facile, me li cerco su Telegram, è pieno di canali che regalano buoni e codici sconto“. E hai ragione, è letteralmente pieno. Al punto che ci sono canali che inviano anche 50 offerte al giorno… E buona parte di queste sono merda. Chi gestisce questi canali lo fa fondamentalmente per guadagnare attraverso le varie partnership. Segnalare i migliori sconti sui videogiochi è secondario, è che molto semplicemente s’è costruito una nicchia di nerd che lo seguono e gli dà in pasto offerte nerd, senza curarsi della qualità di queste. O della fonte, visto che il concetto di acquisto etico applicato ai videogiochi non interessa a nessuno. Non si fa nessun filtro, nessuno si prende la briga di selezionare gli sconti migliori. Il risultato è che ti trovi il telefono costantemente pieno di stronzate e con la batteria sotto il 30%.

Stufo dei soliti canali telegram di offerte e codici sconto sui videogiochi per PS5 e Series X? Due parole: Drop Deals

Dopo tutta questa filippica mi vuoi semplicemente far joinare un altro canale telegram di sconti sui videogiochi?” Si e no. La prima differenza tra Drop Deals e il resto del mondo è questa: qualità, più che quantità. È un canale per il quale potete tenere le notifiche attive, perché non spamma qualunque cosa vada in saldo su Amazon. Poche offerte, selezionate, a tema esclusivamente videogiochi e giochi da tavolo. Lo scopo non è farvi cliccare a tutti i costi, ma semplicemente segnalare offerte degne di essere segnalate, con lo spirito di metterci tutti in condizione di non perdercele. 

sconti telegram videogiochi per ps5
Si, l’idea dietro Drop Deals è copiata 1:1 da Call of Duty…

Chiaro, sfruttiamo la nostra partnership di Amazon. Non è un segreto, c’è un’intera sezione della pagina “Support” che spiega il perché e c’è scritto anche nel footer — scrollate per credere. Gameromancer (ma anche l’altro sitarello, quello che gioca oltre le regole) sono orgogliosamente ad-free e rifiutano il concetto di banner pubblicitario

Ma senza lilleri ‘un si lallera.

Filippo Veschi, Gameromancer 15

Lo scopo non è arricchirsi, ma semplicemente poter fare contenuto. Pagare gli hosting dei due portali (che come si diceva, non sono le cifre folli che si leggono in giro) e soprattutto quello che serve per continuare a fare podcast e a parlare di giochini. Di fatto siamo noi per primi ad andare alla ricerca di sconti ed offerte per videogiochi e dintorni. Drop Deals è soltanto un modo per condividere con tutti la nostra scorta del nerd. Ed è un mondo che col tempo è diventato insostenibile, perché chi gestisce iniziative del genere lo fa con un altro scopo (legittimo, assolutamente) e l’effetto è quello di ricevere tonnellate di notifiche inutili, iscriversi a canali che vengono mantenuti silenziati.
Vi serve davvero seguire il canale “Sconti & Offerte random su videogiochi e nerdate random” se poi non lo guardate mai perché, oggettivamente, ci infilano dentro qualunque cosa ed è un cacatoio a cielo aperto?

Ok, ok, ma da dove prendete tutte le offerte che poi spammate?

Key rubate?sconti videogiochi steam pirateriaSi, è successo. E la pirateria si è alleata con gli sviluppatori per vincere. Fate un po’ voi…

Amazon è la fonte primaria per sconti e offerte. Al di là della partnership e dei buoni sconto, Amazon è un portale di cui ci fidiamo. E vi fidate. Si è sicuri della legittimità dei prodotti venduti sullo store, c’è molto spesso la consegna garantita in breve per i clienti Prime e soprattutto il prezzo minimo garantito in caso di prenotazioni. Non ci sono casi documentati di key rubate vendute tramite Amazon, che è molto più di quanto si possa dire (per esempio) di Kinguin o G2A.

Ma visto che lo scopo come detto non è tanto fare sesterzi ma segnalare le migliori offerte, abbiamo pensato di includere anche alcuni store digitali. Instant Gaming, ma anche l’Epic Games Store, molto più corretto nei confronti degli sviluppatori rispetto a Steam. Ne abbiamo già parlato su Ilovevg e ci abbiamo già bestemmiato in podcast, se vi interessa cliccate/premete play qua sotto. Altrimenti al solito potete anche andarvene a fanculo, continuando a credere che la presa di posizione pro-Epic del sottoscritto sia una hipsterata e non qualcosa in cui credo davvero, perché sono innamorato del videogioco più di quanto sia innamorato dei videogiochi. Se non capite la differenza tranquilli, magari tra qualche anno ci arriverete…

Questo non vuol dire che non segnaleremo anche qualche sconto di videogiochi su Steam. La nostra missione primaria è quella di promuovere i prodotti in cui crediamo, per cui state certi che ogni qualvolta, boh, uno Still There, vada in offerta, non resisteremo alla tentazione di avvisarvi: l’idea è quella di selezionare gli sconti migliori non solo guardando alla percentuale di sconto, ma soprattutto alla qualità dei videogiochi. Dobbiamo risparmiare, si, ma soprattutto dobbiamo avere il coraggio di spendere.

Soprattutto di spendere il nostro tempo…