fb

ig
Ep 53: Remake brutti
00:00

Abbiamo un rapporto malato e morboso coi remake.

Viviamo su internet ed infestiamo ogni angolo, ogni pagina e ogni sezione commenti pronti a saltar fuori per gridare a tutti che “che bello che era [inserire nome giochino], dovrebbero farne un remake”.

No. Basta. Basta chiedere remake di vecchi capolavori come tossici in fila per il metadone, non serve a niente e a nessuno.

Battiamoci per avere i porting o la distribuzione gratuita di videogiochi che le stesse aziende non monetizzano più. Battiamoci per avere Policenauts, per avere Panzer Dragoon Saga e per avere Kowloon’s Gate, non per chiedere il remake di Final Fantasy IX. Non voglio i remake, datemi la possibilità di avere gli originali, datemi la possibilità di salvarli e di custodirli anziché farli marcire in un armadietto dimenticato come fanno le software house. Basta con ‘sti remake cosmetici che non servono a nulla, che più che di fronte ad un parco titoli pare di stare nella sala d’attesa di un chirurgo estetico.

Dobbiamo avere il coraggio di staccarci dai giochini che ci hanno cresciuto. Tanto se ti compri il remake di CTR perché ti ricordi di quando eri giovane e spensierato non è che poi non hai più le tasse da pagare, stronzo. Tira fuori le palle, vai oltre, chiedi un remake di qualcosa che non ha venduto nulla e ha fatto schifo a tutti. Trova il coraggio di chiedere una seconda possibilità per chi ha sbagliato.

Trova il coraggio per chiedere un remake di quel pattume chiamato The Quiet Man, che faceva schifo ma aveva un'idea grandiosa

Chiedi che venga dato ad un team diverso, ad un director competente e vedrai che lo salviamo. Che poi del remake di Silent Hill 2 non frega un cazzo a nessuno, quello era perfetto così com’era. Al massimo possiamo chiedere che ci venga reso disponibile, magari gratuitamente visto che a Konami non frega assolutamente nulla di aver abortito una delle saghe più potenti della storia del medium.

I remake non salvano la vita ai videogiochi. La salvano alle aziende, molto spesso. Per salvare i videogiochi bisognerebbe regalarli a chiunque, e se proprio bisogna mettersi a fare i remake, almeno che siano un’occasione per ricostruire progetti nati male.

Ne vuoi ancora? Nessun problema...