Lunediscord #3: Depressione post Death Stranding

fb

ig
Ep.33: Microtran$azioni
00:00

Le Loot Box sono gioco d'azzardo?

Doveva essere una puntata dedicata alle loot box ma il butterfly effect ci ha fatto esplorare altri territori: FIFA 20, EA, gioco d’azzardo, bisogni indotti, logiche di scripting e meccanismi di dipendenza. Ci fermiamo qui, ma in realtà la carne al fuoco è ancora tanta. Il merito va sicuramente ai nostri ospiti, responsabili di Fine Production che, assieme a Fisheye Production stanno realizzando il primo documentario italiano sul fenomeno Loot Box e le problematiche ad esse connesse, con la dipendenza da videogiochi in pole positions. L'argomento non è facile da trattare. Al momento, mentre il mondo si sta muovendo x capire come è se arginare questo fenomeno, il nostro paese dorme ancora con la "zizza in bocca". La nostra classe politica non ha ancora compreso la portata del fenomeno. Ancora qualcuno vede i videogiochi come giocattoli. Non sanno, però, che questi giocattoli fabbricano milioni di dollari.

Per fortuna nel nostro paese vi sono delle eccellenze, persone deluse e stanche da questelogiche comportamentali operate dalle major. Queste persone, consapevoli di non disporre di risorse economiche adeguate, se ne fottono e decidono di buttarsi lo stesso. Avviano una campagna di Crowdfunding per cercare consenso, e fortunatamente lo trovano. E se trovano consenso vuol dire che il problema esiste ed è tangibile.
In tutta onestà raga, anche noi abbiamo deciso di accendere un farò per illuminare meglio questa situazione. Questo podcast è solo l'inizio della nostra campagna divulgativa per sensibilizzare sull'estistenza di parole come "gaming disorder" e "hikikomori", che rischiano di rovinare il medium che tanto amiamo, i videogiochi. Abbiamo il dovere, prima morale, e poi informativo di portare in superficie un qualcosa che alberga nelle profondità della comunicazione videoludica attuale, troppo concentrata a tradurre le news americane per portare click.

Se tutti va secondo i piani a nel gennaio 2021 potremmo andare al cinema e goderci questo primo documentario Italiano.

Ne vuoi ancora? Nessun problema...