fb

ig
DLC #48: La longevità ha rotto i cazzi
00:00

Di quanto dura un videogioco non ce ne dovrebbe fregare un cazzo.

È successo che ad un certo punto lo stacco tecnologico tra una generazione e l’altra non è riuscito più a sorprenderci. Passi da PS1 a PS2 e rimani sconvolto, sembra quasi di guardare due media diversi. Poligoni solo vagamente umani, solo vagamente simili agli artwork delle copertine e delle guide complete che compravi in edicola. Poi ha iniziato a succedere sempre meno, perché andando sempre più vicini al fotorealismo l’effetto wow era semplicemente sempre meno wow.

E quindi che facciamo? Facciamo i giochini sempre più grossi, che domande.

Facciamo GTA V grande quanto tutti gli altri Gran Theft Auto messi assieme. Facciamo Assassin’s Creed Origins pieno di deserti messi li per flexare i metri quadri, poi poco male se dentro c’è solo sabbia e non servono manco a dare carica emotiva al viaggio ma solo a fare le veci dei teraFLOPS per il marketing. Facciamo che tutto diventa GDR Open World riempito di missioni pacco così la gente si bagna quando cerca il gioco su How Long to Beat. Tanto ci interessano le 100+ ore di gioco, non quante di quelle siano effettivamente fighe da giocare.

Il risultato è il videogioco omeopatico, diluito in chissà quanta merda perché altrimenti non arrivi a sviluppare il sequel

Siamo abituati a fare e rifare sempre le stesse cose pure nella vita vera, perché coi giochini dovrebbe essere diverso? È quasi confortante accendere la Play e dover grindare come un bastardo, ti dà comunque più soddisfazione che fare ogni giorno alla stessa ora la stessa strada per andare allo stesso ufficio. C’hai i numerini sullo schermo, sali di livello e bella lì. Basta che il videogioco sia gamificato e ci facciamo andare bene tutto.

Solo che ‘sta cosa non ci dovrebbe andare bene per un cazzo. Perché poi quando un gioco in tre ore ti racconta un mondo, due pianeti e un’apocalisse non sai davvero che cazzo fare.

Se non riflettere su quanto sei stato stronzo a barattare qualità con quantità.

Ne vuoi ancora? Nessun problema...